venerdì 13 marzo 2015

n.8 x RM1000


Ripetute medie da 1000, un gradito rientro dopo diversi mesi.
Un esercizio veloce che avevi accantonato in vista di una gara di lunga percorrenza, ma che adesso si rende necessario per le prossime gare.
Questa era la scusa ufficiale.
Quando sei partito per il riscaldamento ci pensavi. Oggi tocca alle erreemmemille. Ma perchè, visto che in realtà non sai neanche che cavolo di gara stai preparando? Non importa, hai bisogno di velocizzare le gambe.
Già durante il riscaldamento sapevi che si trattava di un appuntamento che non dipendeva dalla tua volontà, sono le circostanze. Una serie di fattori esterni. Insomma, al diavolo le tabelle, non sei tu che scegli loro, ma il contrario.
Ti rassegni alla volontà del destino e ti prepari al primo di questi intervalli che ormai conosci bene e sai che stanno per accelerare il ritmo dei tuoi pensieri.
Come dire. Da un ritmo Velvet Underground "Who loves the sun" a un ritmo Jet "Are you gonna be my girl".
Prima ripetuta e parti a correre veloce, in falsopiano e senza troppa foga. In fondo si riparte da zero, non hai nulla da dimostrare a te stesso e agli altri. Il fiato accelera di pari passo e i Jet attaccano a suonare con una bella schitarrata. 
Questa settimana Ale ha compiuto 7 anni. Che sguardo incredibile ha un bambino davanti ad un pacchetto da spacchettare. Il ragazzino non ti somiglia per niente, ti puoi specchiare in lui solo in certi momenti. L'entusiasmo dei 7 anni non ti ha mai abbandonato, siete quasi fratelli oggi. Sogna Ale, sogna.
Riposo per 400 metri e si riparte.
Sei già sudato e le gambe si sono avviate a dovere, pensare che la serata precedente non è stata un esempio di vita salubre. Un aperitivo con Gian significa una pausa per lo spirito. Birra al bancone, birra forte ad un bancone di legno con una musica perfetta di sottofondo. Non ricordi quale. Alla prima media si parlava di lavoro e si mandava al diavolo qualcuno.
Riposo e terza ripetuta, ancora in falsopiano, senti di voler accelerare.
Adesso si' senti il bisogno di andare forte. Pensi che nella tua vita ci sono rapporti non controllabili nè gestibili. L'incognito allo stato puro: tanto bello quanto pericoloso. E viceversa.
La quarta ripetuta è già dopo il giro di boa, per cui decidi che se la gravità accompagna, dovrai accontentarla. Spingi, spingi piu' che puoi e in un attimo ti accorgi di correre a velocità che quasi non ricordavi.
Alla seconda media doppio malto, tu e Gian parlavate di quella volta che avete portato i figli piu' grandi fuori a cena, ormai sarà passato piu' di un anno. C'era quella cameriera con due tette enormi e loro, i bimbi, la fissavano proprio li', poi si guardavano in faccia e le scoppiavano a ridere davanti. Lei non l'aveva presa bene, probabilmente non aveva figli maschi. Serata imbarazzante. Corri e ridi.
La quinta e la sesta sono dedicate ai tuoi errori, alle tue debolezze, alla tua incapacità di tenere i freni tirati. La gestione molto dilettantesca delle emozioni, spesso, ti ha fatto perdere le cose piu' importanti. L'inquietudine ti fa accelerare la corsa, a ritmi che obiettivamente non pensavi di poter sostenere in questo periodo.
All'ultima ripetuta da 1000, ti senti stanco al punto giusto, ti sei sfogato.
Ricordi che alla seconda piccola doppio malto dopo le due medie, ci si augurava reciprocamente tutto il bene del mondo. Pensi che è strano quel senso di empatia che nasce quando si è ubriachi al punto giusto, fra amici che si frequentano da trent'anni. Che da trent'anni, normalmente da sobri, si salutano con una battuta fra i denti.
Finisci il lavoro pensando che le RB400 e le RL2000 non si corrono a un ritmo Jet come le RM1000, quindi non resta che attendere il loro ritorno, fra qualche mese, magari.

8 commenti:

  1. Se penso poi alle rl3000. Ma che soddisfazione una volta finito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensando solo al punto di vista del carico allenante, le ripetute lunghe danno senz'altro piu' soddisfazione. Personalmente le ripetute da 1000 mi danno piu' adrenalina, perchè lo sforzo è maggiore...insomma roba da masochisti :-)

      Elimina
    2. dal punto di vista del "gusto" anche io le preferisco, ma che soddisfazione finire bene un 4x3000 o un 3x5000

      Elimina
    3. daccordissimo, quando riescono a dovere sono impagabili!

      Elimina
  2. spesso e volentieri gli stati d'animo si riversano nei tipi di allenamento che decidiamo di intraprendere
    questo è forse un limite alla mancanza di un'osservatore esterno, ma noi siamo....amatori
    e ce la tiriamo invece di farci tirare ......

    RispondiElimina
  3. a parte tutto, veramente un bel post, hai proposto un parallelismo tra lo sport e il quotidiano, in versione commedia, da 10 e lode

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)) grazie! riguardo alla "rigità" della mia tabella, in questo periodo post maratona mi sento un pò in vacanza, sto apprezzando la libertà dell'improvvisazione..

      Elimina
    2. è proprio così ed è bello sia così
      e deve essere così!

      Elimina