mercoledì 14 ottobre 2015

roba da supereroi



Sarà proprio così che funziona, che a un certo punto tutto passa dalla dimensione comics a quella reale.
Il supereroe esce abbigliato, come ogni giorno, nella sua divisa da Flash, bello carico pronto a combattere il crimine, ma appena uscito si accorge che non corre mica bene.
Flash che non corre è come batman vestito di rosa. Non fa nessuna impressione.
E così si fa una passeggiata, un po' sconsolato, fra pedoni che lo scrutano con la coda dell'occhio e lui che neanche li considera.
Anche i criminali oggi non sono così terribili, al punto che i poliziotti d'ordinanza bastano e avanzano.
Un supereroe prova a pensare a che altro può esserci di bello, oltre le sue corse, che oggi gli riescono così male, e vediamo.
Ha una grande ammirazione per le luci e i colori, quelli della natura.
Li guarda e cerca di catturare le immagini e di tenerle sempre con sé, ma come gira l'angolo sono sparite dalla sua mente.
La natura è tanto bella quanto crudele, non potrai mai pensare di portartela a casa, non sarà mai tua, non è di nessuno.
Lui non è capace di dipingere luci e colori come vorrebbe, quindi si dedica alla musica, visto che gli piace farsi strapazzare i timpani da suoni forti e ritmati.
Ma la musica a un certo punto finisce, e lui da solo non sa riprodurla.
Per quanto ci provi, a dipingere, suonare, scrivere e leggere, capisce che con le sue sole forze non potrà mai essere un vero supereroe.
Quando ritrova Wonder Woman allora sì, che tutto funziona, scatta la magia.
Magia o non magia, quello che sia, condividere una corsa che non riesce, una natura che scappa e se ne va, una musica che finisce, un silenzio che non durerà per sempre. A quel punto non è importante ciò che inizia, ciò che finisce, tutto è chiaro.
L'importante è l'istante, quello rimane.
Un supereroe deve saper cogliere l'istante, i criminali più pericolosi, quelli delle avventure più avvincenti, si catturano solo se hai riflessi fuori del comune.

3 commenti:

  1. mi sovviene la definizione geometrica di linea, ovvero successione di infiniti di punti
    se non ci sono i punti non c'è linea, se non c'è linea non sai cosa seguire, e ad un certo punto ti trovi di fronte ad un burrone
    o ti accorgi del salto a salti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, se sai catturare il momento magico, sei un supereroe....di quelli che possono tranquillamente saltare nel burrone senza farsi neanche un graffio... ;-)

      Elimina
    2. i supereroi se lo possono permettere

      Elimina