martedì 16 febbraio 2016

roba tosta



Quando sta per andare tutto a rotoli, in genere le avvisaglie arrivano per tempo. 
L'indomani sarà un disastro di giornata, c'è un pasticciaccio brutto che incombe sulle capocce e tu ci sei dentro fino al collo, involto come un involtino. Sei nell'occhio del ciclone.
Arrivano nel pomeriggio, le avvisaglie, e te le devi portare a letto, ti giri e ti rigiri.
Ti alzi e accendi le luci, le spegni, ti rialzi e vai a pisciare.
Si dorme maluccio.
Fuori piove, mica nevica. Piove.
Il podista navigato ha imparato che a volte le corse vanno male, in gara a volte ti trovi proprio nei pasticci.
Quando mancano 7 - 8 chilometri e sei in riserva di energie, diventa dura.
La regola numero uno è non perdere la calma, prima di affannarti prova a rallentare un pò.
Così sposti la sveglia venti minuti in anticipo e scendi per fare quello che fai tutti i giorni, con tempi leggermente dilatati. Si dormirà domani.
Non devi perdere un colpo, barba e capelli.
Prepari la colazione per tutti, con una bufera gelata, là fuori, quel buio pesto gelido che neanche il gatto si sogna di uscire a fare la sua solita passeggiata.
Ma tu prepari la borsa e esci, barba e capelli colazionato e di tutto punto abbigliato, e sali su un'auto guardaroba per podisti.
La bufera è buferosa, stamattina, la giornata non è propizia, affatto.
Ma in pausa pranzo il podista parte ugualmente, come sempre, per la sua corsa, in una gelida pioggerella che dovrebbe essere neve ma non lo è, vuole scrosciare acqua.
Addosso a te.
Corri e hai freddo, ma corri, col tempo si impara a gestire la fatica, ma non solo.
Le condizioni atmosferiche avverse non sono fatte per quelli che deridono il podista, loro possono chiudersi a casa e abbracciare una stufa.
Sono fatte per quelli che escono e se le vanno a cercare. O più romanzesco, per quelli che le affrontano.
Il pomeriggio è bufera, proprio come il mattino, anzi. Forse peggio.
Ma stanotte sei più forte, perché oggi ti sei temprato.
Stanotte si dorme, domani si corre di nuovo.
E la macchina guardaroba è già pronta. Fermami se ci riesci.

5 commenti:

  1. Altro che fermarti! Vai! Doccia assicurata, soddisfazione raddoppiata! Bravo Alain!

    RispondiElimina
  2. sti runners, non siamo proprio capaci di non allenarci,
    forse dobbiamo allenare anche questo, ma mi sa che.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non uscire ad allenarsi, quella sì sarebbe un'impresa ardua...;-)

      Elimina
    2. la prova più dura in assoluto

      Elimina