domenica 15 gennaio 2017

letargo


Effettivamente è proprio andata così, ti sei un po' alienato dal mondo, qualcuno ti sta anche chiedendo come mai.
Hai ristretto il campo a un paio di compagni di birrette, il resto del tempo lo devi dedicare ai tuoi bimbi e cercare anche di imparare il mestiere, che non è facile, giacché non basta la presenza fisica, ma è richiesta una cospicua dose di energia, per non diventare in quattro e quattr'otto un genitore trasparente.
Non è per una sola ragione, se al momento sei tornato anche a corse solitarie, a poca presenza in campo sociale, oltre al motivo di cui ante.
Hai male ai tendini, correre perennemente col dolore addosso non è entusiasmante, e il carattere da canis lupus italicus ti induce a tenerti per te queste corse, preferisci chiuderti in questo andamento lento che caratterizza la tua - scarsa - attività sportiva del momento.
Hai fatto un paio di passi falsi di recente, ma insomma, sempre in buona fede, e a volte le cose più naturali possono risultare così nocive per il mondo intorno.
Cosicché il tuo carattere da ursus arctos marsicanus ti impone di espiare qualche colpa di troppo in un doveroso claustro? Può essere anche questa, come può essere che il mese di gennaio più semplicemente si addica al letargo del bestione.
Saranno molti fattori insieme, molti passi falsi dell'ultimo decennio che si sommano uno sull'altro, che tornano ora a presentarti il conto. 
C'è da pensare a cosa combinare da qui in avanti, mettere insieme molti pezzi e dare un senso a quello che ne esce.
Quindi no, non era intenzionale questo periodo, è semplicemente il risultato di una somma di fattori, e da qualche parte bisognerà pure arrivare.

4 commenti:

  1. ...in certi momenti vale la pena fare altro....magari andare a pestare un pò di neve con le ciaspole ad esempio... e davanti a pane e salame in quota tutto diventa più sereno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, e figurati che al momento pane e salame è l'immagine che trovo piu' invitante...:-))

      Elimina
  2. da tempo che non ti leggevo, aoh Alain!!!!
    dai, ricorda il moto ondoso, noi siamo come quello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo ricordo, lo ricordo... :-)
      buone corse a te!

      Elimina